ASI TV | Identikit di una stella mostro
https://mail.asitv.it/media/vod/v/4256/video/identikit-di-una-stella-mostro


Tutto ciò che pensavate di sapere sul ciclo di vita delle stelle potrebbe non essere del tutto vero o, semplicemente, potrebbe non aver considerato l'esistenza delle cosiddette ‘eccezioni alla regola’. E in questo caso, un’eccezione sopravvissuta a ben due esplosioni stellari nello spazio nell’arco di cinquanta anni, mettendo in dubbio le teorie scientifiche conosciute fin ora sull’argomento. Stiamo parlando della misteriosa stella ‘zombie’ iPTF14hls, oggetto di studi di un team internazionale di astronomi. Nel 2014 era stata osservata dagli scienziati al fine di comprendere la composizione chimica del materiale espulso per poi classificarla come supernova di tipo II-P. I risultati delle osservazioni condotte sulla stella sembravano essere nella norma, fino a che, pochi mesi dopo, la supernova ha cominciato a diventare sempre più luminosa cominciando ad attirare sempre più l’attenzione degli scienziati. Le supernove di tipo II-P, solitamente, rimangono luminose per circa cento giorni. Ma iPTF14hls ha continuato a brillare per più di 600 giorni. Inoltre, gli archivi delle precedenti osservazioni hanno rivelato che non si trattava della prima ed unica esplosione stellare ma che in passato, nel 1954, lo stesso corpo celeste era già esploso e ‘sopravvissuto’. Il team di scienziati è stato in grado di analizzare la luce emessa dalla stella zombie grazie ad un particolare strumento - chiamato SED Machine – in grado di classificare rapidamente le supernove e tutti altri eventi astronomici di breve durata o ‘temporanei’. Lo studio è stato pubblicato su Nature.


ASI Agenzia Spaziale Italiana, 2015